Edizioni La Zisa

Cerca

Vai ai contenuti

Riolo

Catalogo

Claudio Riolo (a cura di)

Libertà di informazione,
di critica e di ricerca nella transizione italiana

Interventi di: Alessandro Bellavista, Giuseppe Casarrubea, Luigi Cavallaro, Sergio Cola, Mario Dogliani, Giovanni Fiandaca, Enrico Fontana, Alfredo Galasso, Antonio Ingroia, Salvatore Lupo, Giuseppe C. Marino, Antonello Miranda, Claudia Mirto, Claudio Riolo, Umberto Santino, Roberto Scarpinato, Paolo Serventi Longhi, Vincenzo Siniscalchi, Nicola Tranfaglia, Marco Travaglio, Vittorio Villa

SAGGIO

Collana: Biblioteca dei studi sociali 6
Pagine: 160
Prezzo: € 10,00
ISBN: 88-8128-093-0



Da circa un decennio, nell'ormai lunga e difficile fase di transizione del sistema politico italiano, accade sempre più spesso che uomini politici, sentendosi diffamati da critiche rivolte al loro operato, cerchino di rivalersi in sede giudiziaria contro chi esercita per professione o per impegno civile e politico i diritti di cronaca, di critica e di ricerca garantiti dalla Costituzione. La tendenza a trasferire la dialettica democratica e il conflitto politico in sede giudiziaria, con la pretesa, per di più, di "monetizzare" un danno immateriale come quello morale, mal si concilia con l'esigenza fondamentale, in un sistema democratico, di garantire l'esercizio della critica politica. Ed ancora, il difetto di bilanciamento tra interessi inevitabilmente in conflitto, dovuto a una concezione formalistica della tutela della reputazione individuale, rischia di inibire il diritto/dovere di sottoporre l'operato di chi ricopre cariche pubbliche o ruoli rappresentativi al vaglio dell'opinione pubblica, indebolendo i meccanismi di responsabilità politica posti a salvaguardia della credibilità delle istituzioni.
Anche i pressanti appelli indirizzati agli studiosi del mondo politico-istituzionale per la costruzione di una memoria condivisa nascondono malamente il fastidio per la pluralità degli approcci interpretativi possibili, e talvolta per la stessa idea di una ricostruzione realistica (non ideologica, né edificante) dei conflitti del passato. È paradossale, infine, che in alcuni casi a decidere dei risultati della ricerca storica o socio-politologica siano stati chiamati proprio i tribunali della Repubblica, con un ennesimo e potenzialmente più grave cortocircuito tra campi della vita collettiva che dovrebbero essere tenuti ben distinti.
Questi temi sono stati discussi e approfonditi in un seminario organizzato dalla Facoltà di Lettere e Filosofia e dal Dipartimento studi su Politica, Diritto e Società dell'Università di Palermo, in collaborazione con le associazioni Articolo 21, Libera e Magistratura Democratica. Il volume ne raccoglie i materiali, rivisti e aggiornati dagli autori.

Claudio Riolo insegna Scienza politica all'Università di Palermo. Tra le sue pubblicazioni: Istituzioni e politica: il consociativismo siciliano nella vicenda del Pci e del Pds (1993); Politiche di industrializzazione e gruppi di pressione negli anni cinquanta (1995); (acura di ) Dossier sulle riforme istituzionali in Italia (1998). Per questa Casa editrice ha già pubblicato I'identità debole. Il Pci in Sicilia tra gli anni '70 e '80 (1989).





Menu di sezione:

Edizioni La Zisa, Via Lungarini, 60 - 90133 Palermo P.I. 06520860823 Privacy

Torna ai contenuti | Torna al menu