Edizioni La Zisa

Cerca

Vai ai contenuti

Rass. stampa_06


4 lug 2010


24 giu 2010


11 giu 2010


23 mag 2010


20 mag 2010

L'isola
mag 2010


5 mag 2010

il Sole24Ore
21 apr 2010


4 apr 2010


28 mar 2010


13 marzo 2010

I segreti dell’imbalsamazione dalla penna di Piombino Mascali


La sua mano esperta e le innovative tecniche di conservazione che aveva sviluppato gli hanno permesso di restaurare la salma di Francesco Crispi a nove mesi dalla morte conferendole un aspetto fresco e un’aria riposata. Il segreto della sua arte rischiava però di andare perduto, se Dario Piombino-Mascali - ricercatore dell’Istituto per le Mummie e l’Iceman dell’Eurac - non fosse riuscito a recuperare i suoi appunti e renderli pubblici nel libro «Il maestro del sonno eterno» appena uscito in libreria.
Il personaggio in questione è Alfredo Salafia, imbalsamatore siciliano della fine dell’800 e artefice di alcuni celebri interventi di conservazione, tra cui quello su Rosalia Lombardo, una bambina di due anni morta nel 1920. «Salafia aggiungeva un trattamento con paraffina sciolta in etere, che iniettata sotto pelle era in grado di dare un effetto di turgore al volto» spiega Dario Piombino-Mascali nel suo libro, edito da La Zisa. Il testo raccoglie gli appunti di Salafia conservati dai discendenti della sua seconda moglie e rintracciati grazie a una minuziosa ricostruzione dell’albero genealogico dell’imbalsamatore.
Le ricerche di Dario Piombino-Mascali svelano non solo le tecniche utilizzate per curare l’aspetto estetico delle salme, ma si focalizzano anche sui metodi scientifici che hanno permesso di constatare la conservazione degli organi interni dei cadaveri. Dalle radiografie emerge infatti come cervello, fegato e parte di uno dei due polmoni siano perfettamente conservati, nonostante l’essicazione.


28 feb 2010

Centonove
11 dec 2009

La Sicilia
6 nov 2009


5 nov 2009

pagina 1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7 - 8

Edizioni La Zisa, Via Lungarini, 60 - 90133 Palermo P.I. 06520860823 Privacy

Torna ai contenuti | Torna al menu